Chi sono

Momi Zanda alla Tomba dei giganti di Pascaredda

Vivo e lavoro a Cagliari, dove sono nato nel 1957. Mi piace definirmi un libero esploratore della coscienza, e le mie esplorazioni sono iniziate fin da quando ero bambino. Per quasi trent’anni ho praticato e studiato quotidianamente il Buddismo nella forma stabilita dal monaco medievale giapponese Nichiren. Poi ho sentito la forte esigenza di continuare la mia ricerca spirituale al di fuori dei dogmi e gli inevitabili limiti di una religione codificata, e nel 2001 ho iniziato un percorso di sperimentazione degli stati alternativi di coscienza. Ho intrapreso una terapia con l’ipnosi regressiva durata alcuni anni e parallelamente ho partecipato a più di una decina di seminari di respirazione olotropica, una potente tecnica di esplorazione della coscienza attraverso il respiro messa a punto da Stanislav Groff. In seguito si è “sincronicamente” aperta la strada per fare della mia ricerca una professione. Ho frequentato a Torino una scuola di counselling a indirizzo ipnologico e nel 2007 ho conseguito il diploma di “Counselor professionale avanzato a orientamento ipnologico costruttivista”. Da allora esercito professionalmente come counselor con lavori individuali e di gruppo.

Nel 2007, come è accaduto e continua ad accadere a tanti in questi ultimi anni, sono entrato in contatto con esseri incorporei di altre dimensioni, prima con l’arcangelo Michele e poi con varie altre entità tra cui gli altri tre arcangeli principali (Raffaele, Uriel e Gabriele), maestri sciamani disincarnati, coscienze collettive di civiltà stellari e anche con gli antichi abitanti della Sardegna, i costruttori delle migliaia di monumenti megalitici che si trovano nella nostra isola.

Nel 2012 ho fatto un viaggio molto importante e formativo in Perù, in Valle Sacra e a Machu Picchu. Un anno dopo ho iniziato qua a Cagliari un percorso di apprendimento delle tecniche energetiche andine insegnate da Roberto Sarti, allievo di alcuni maestri della nazione Q’ero, una comunità che vive tra i quattro e i cinquemila metri di altezza sulle Ande peruviane al cui interno sono state trasmesse fino ad oggi le antiche conoscenze Inca.

Sono anche uno scrittore e ho pubblicato diversi libri nei quali ho raccontato parte delle mie “esplorazioni”.

In questi ultimi anni ho iniziato a risvegliare le mie memorie di starseed siriano e ho intensificato i contatti e le comunicazioni con i popoli delle stelle e in particolare coi miei Fratelli di Sirio.

Se volete saperne di più e avere informazioni dettagliate sul mio lavoro di counselor potete visitare il mio sito professionale Viaggi nella coscienza.

Se volete essere informati sulle mie attività potete seguire la mia pagina Facebook Multidimensional.

Per contattarmi: [email protected] – 3388480232 (preferibilmente tramite WhatsApp o sms)

17 commenti su “Chi sono

  1. Ciao Momi,mi chiamo Ivan,37 anni di Verona. sono arrivato quì dal sito della Dott.Sale Musio: Mi sono sentito di scriverti perchè tratti argomenti dai quali mi sento attratto, poi ho visto che conosci Scienza e Conoscenza,i quali avevano pubblicato una mia lettera molti anni fà sulla rivista, dove parlavo di Ramtha e dei benefici ricevuti seguendo quello che era la sua filosofia.
    Di quel che tratti ho letto un pò negli anni,però non ho mai creduto fino in fondo; la razionalità ha sempre avuto la meglio su di me e tenevo queste teorie nel “reame delle ipotesi” senza mai prenderle troppo sul serio. Io sperimento da sempre esperienze nel campo della sensitività, ma ho problemi energetici abbastanza importanti, es: cali di energia e/o troppa energia , stò male io ma purtroppo faccio star male chiunque mi giri attorno,perchè sono molto “comunicativo”. in merito a ciò e basandoti sulla tua esperienza, avresti dei consigli o delle “dritte” da darmi?
    Non ti conosco: spero di non essere fuoriluogo; mi son sentito di scriverti e l’ho fatto…. grazie per tua cortese risposta

    • Ciao Ivan, non sei affatto fuori luogo e tocchi due punti importanti per i viaggi oltre confine: lo strapotere della razionalità e la difficoltà di mantenere in equilibrio il proprio campo energetico. Sono due temi complessi e prima o poi ne tratterò sicuramente in questo blog. Per ora un piccolo suggerimento: dedica un po’ di tempo, anche solo dieci minuti al giorno, per rilassarti concentrandoti sul respiro, magari con l’aiuto di una musica. Il respiro è la prima chiave per connettersi alle altre dimensioni della coscienza e aiuta ad equilibrare le energie. Grazie del tuo commento (è il primo del mio blog!)

  2. Alessandro il said:

    Ciao,

    Mi chiamo Alessandro, mi hanno da poco segnalato questo blog e pian piano prendo nota delle interessanti informazioni/rivelazioni riportate, ho anche letto il libro l’unione dei mondi, una sola parola: rivelatore, ma potrei anche aggiungere confermatore di molte cose…
    Scrivo questa mail oltre che per ringraziare dell’aver deciso di condividere con tutti le varie esperienze vissute, per segnalare un sito piuttosto disarmante, dove però vengono ripresi argomenti simili, nomi simili (ancangelo Kryon), questo è il sito:
    http://144000raggidiluceattiva.com/29-agosto-2012-messaggio-dellaa-kryon/

    chissà che uno dei miei scopi non sia di mettervi in contatto…

    Un saluto e ringraziamento!

    Alessandro

    • Ciao Alessandro, ti ringrazio per le tue parole di apprezzamento. Ho visitato il sito che hai linkato e ho visto che è molto “ricco” di articoli e messaggi canalizzati. In questi ultimi anni sono nati e continuano a nascere anche in Italia tanti siti o blog che pubblicano canalizzazioni e articoli sul cambiamento e sulla nuova era. Tutto ovviamente non si può leggere, perciò credo sia importante seguire le proprie “risonanze”, accettando quello che è in sintonia col nostro sentire e scartando – senza giudizio – quello che invece per qualunque motivo non ci attrae o ci mette a disagio. Spero che anche in futuro tu possa trovare delle risonanze con il mio blog. Un abbraccio

  3. ALEX il said:

    ciao momi, mi chiamo Alessandro e sono sardo come te..sono capitato in questo blog xke mi documentavo sui percorsi spirituali in peru con l ayahuasca..mi sta nascendo un forte interesse…volevo chiederti se il non saper parlare altre lingue oltre l italiano puo essere un handicap x un viaggio simile..grazie e naturalmente mi piacerebbe scambiare 2 chiacchere con te… io sono all inizio del mio percorso… ho provato pure l ipnosi ma soltanto una seduta.. a presto.. ps: vivo nell oristanese

  4. Lucia Morellato il said:

    Leggo la parola per me molto importante. Proprio oggi ne parlavo, che da quando rispondo a ciò che mi risuona, mi muovo con più determinazione in questa esistenza a volte insicura.
    E questa è finalmente Fiducia.
    Vorrei sapere come si svolge un’ipnosi regressiva. Quali sono le condizioni, difficoltà, possibili risultati e limiti. E soprattutto come è possibile sapere se un soggetto è adatto o meno a tuffarsi in questa avventura, quali sono gli eventuali rischi. In effetti l’ipnosi mi risuona fin dalla lontana gioventù, e mi domando se questo mio interesse oggi sia un bisogno autentico o un impuntarmi testardamente a conoscere qualcosa che mi attirava mezzo secolo fa.
    Lib

    • Lucia Morellato il said:

      correzione del precedente messaggio:
      La prima riga manca di una parola. La riscrivo:
      Leggo la parola RISONANZA per me molto importante.
      Lib

  5. Roberta il said:

    Ciao, sono capitata sul tuo blog leggendo il post di una mia amica.
    Cara anima quante esperienze.. Mi rendo conto che quando si interpreta un film è difficile comprendere che lo sia… ricordi The Truman show….
    Ti invito a leggere con cuore aperto lo scritto: Intervita a James che trovi tradotto su stazione celeste e materiale dei wingmakers.
    Non è importante la fonte quanto il messaggio.
    Soffermati e rifletti sull’argomento canalizzazioni.
    Merita il libro: Usare il cervello del cuore di Annie Marquier che nella parte finale consiglia lo strumento principe di tutte le scuole misteriche: il testimone o l’osservatore, ben espresso nel film: Lo sfidante che trovi sul sito Mare Nectaris.
    un abbraccio
    Roberta

    • Ciao Roberta, benvenuta sul mio blog. Grazie dei tuoi suggerimenti, ma come puoi capire non si può leggere tutto, e penso che ognuno debba scegliere col sentire del cuore ciò che in un dato momento incontra una personale risonanza. Il materiale degli Wingmakers mi era parso interessante e profondo ma un po’ troppo complesso e impegnativo per i miei gusti. Può darsi che prima o poi lo affronterò. Dello Sfidante ho letto il testo, sicuramente utile ma non mi aveva detto nulla di particolarmente nuovo. Il libro della Marquier mi attira, ma aspetterò che esca in versione ebook. Quanto alle canalizzazioni, mi ci sto “soffermando e riflettendo” da circa sette anni … Un abbraccio di luce, e torna quando vuoi!

  6. Monica il said:

    Ciao Momi… ti ho scoperto stamattina quando la mia gemella mia ha chiesto se il 18 maggio volevo partecipare al seminario che terrai qui a Nuoro…..niente accade per caso.. e non è retorica lo sai….. ho vissuto e vivo attualmente grandi sensazioni ed emozioni importanti su quello che è l’oggetto del tuo sito.
    Sarà un piacere conoscerti il 18 maggio…..un abbraccio.
    Monica (p.s. gli amici e parenti mi chiamano. momy)

  7. omar il said:

    Ciao Momi mi chiamo Omar e ho poco meno di quarant’anni. In realtà ci conosciamo dalla comune esperienza Soka, che però nel tuo come nel mio caso d’altra parte, ha preso una direzione diversa. Ti leggo sempre con piacere sia sul blog che sui romanzi ed è da qualche tempo che desideravo compiere un lavoro con te, anche se per un motivo o per l’altro finivo sempre per rimandare. E non so se più per pigrizia che per inconscia resistenza. Brevemente ti posso raccontare i punti della mia vita che vorrei portare alla luce ma prima ancora voglio premetterti alcune linee guida nelle quali mi sono mosso in questi anni. Il mio Maestro recentemente scomparso è stato un caro amico romano-Lorenzo Ostuni- che mi ha insegnato ad espandere la mia coscienza nell’arte e nella parola attraverso i simboli, e grazie a lui ho imparato a decodificare la meravigliosa bellezza di una trama che appare invisibile agli occhi, prima ancora ho lavorato con un altro sensitivo romano che ci trasmetteva delle tecniche dell’unione e del risveglio, capaci di dare al corpo e alla mente stabilità e forza. Tuttavia rimaneva in me un senso di fragilità e ansia e incapacità a gestire gli aspetti materiali della mia vita, e forte pure riemergeva la mia tendenza all’autodistruzione. Ho anche individuato i nodi familiari grazie ad uno straordinario medium veneto che ho incontrato più volte in Sardegna. Ho poi avuto al fortuna di essere stato seguito e amato da una pranoterapeuta e sensitiva che piu volte ha canalizzato le mie amorevolissime guide, che però ora mi chiedono di andare da solo portando forza e pazienza. Io ho alcune sensazioni rispetto a questo mio continuo basculare sia sentimentale che professionale, ma non ho le parole esatte e vorrei fare un lavoro con te non tanto conoscitivo quanto finalmente risolutivo, come ho letto anche nel tuo caso è avvenuto.
    Quando per te potrebbe essere il momento io ci sono

  8. Marie Véronique Amella il said:

    Salve !
    Sono Marie, una studentessa francese di antropologia/etnologia e sono attualmente a Cagliari (3 mesi) per fare il mio terreno di ricerca (che mi permetterà nel 2015 di scrivere la mia tesi di Master 2 in Francia). Il mio tema di ricerca è la Sardegna delle spiritualità di oggi, quindi, la Nuraxia mi interessa moltissimo come il collegamento tra la Sardegna e una forma attuale di spiritualità. Come sono una persona “sensibile”, sono doppiamente interessata da venire a incontrarlo per un intervista o soltanto parlare di questo su Cagliari o nei altri posti (mi sposto col Pullman) !!!! Mi piacerebbe anche comprare i suoi libri !!!!! Grazie ;-))))))

  9. Ciao Momi è un vero piacere aver incontrato la tua pagina e ciò che condividi. Da sempre ho sentito che la vita non è quella scandita dalle ore e dai vari impegni che costruiamo perché sentiamo un vuoto che on vogliamo affrontare. Da piccola accadeva che ciò che sognavo poco dopo si realizzava. Mio marito ad esempio l’ho conosciuto in sogno prima di incontrarlo nella realtà. Dopo ho avuto un periodo come di standby ed ora ho nuovamente sogni strani. In un sogno ho visto una valle con resti antichi , non sapevo nemmeno della sua esistenza è nel Ciad, e poi ho sognato di una stella Tejat anche questa non sapevo che esisteva e non so perché. Poi mi accade di ritrovarmi in luoghi che sembrano giardini dove un signore anziano mi racconta alcune storie. Un giorno sono entrata in una casa dove c’erano tante stanza tutte con differenti colori ed ognuna era il livello umano le ho potute visitare tutte e poi sono arrivata davanti ad un grande cancello che si affacciava su un giardino che circondava un lago qui c’era una signora che mi ha detto che mi stavano attendendo e che se volevo potevo tornare a casa. In quel momento ho chiesto se potevo portare con me mio marito e i miei figli ma loro erano riamasti indietro e così la risposta fu che solo se si arriva al giardino si può tornare a casa potevo scegliere di rimanere per aiutarli ad arrivare anche loro al giardino ma averi dovuto stare attenta perché avrei potuto perdere io stessa la possibilità di ritrovarlo. Il tempo mi ha detto non era ancora tanto ma che c’era tempo a sufficienza per fare ciò che desideravo oltre a ciò che dovevo. Così mi sono ritrovata nuovamente all’entrata principale della casa e quando insieme ai miei siamo usciti è scomparsa. Vorrei tanto alcune spiegazioni e aiuto non so a chi rivolgermi ecco perché ti ho scritto. Se puoi rispondermi te ne sarò grata all’infinito comprendo che hai tanto da fare se però ti avanza un minutino ti ringrazio un saluto

    • Ciao Marta, quello che racconti è molto interessante. E’ evidente che i tuoi canali percettivi sono molto aperti e in qualche modo riesci a viaggiare nei tempi e nelle dimensioni.
      Ovviamente le esperienze che si fanno nelle altre dimensioni non sono totalmente spiegabili e definibili perché i normali criteri della logica e della razionalità non si applicano alle altre dimensioni della coscienza. Vanno vissute per quello che sono, per il grande arricchimento energetico e di consapevolezza che portano. Poi tante cose si capiscono col tempo.
      Se hai qualche domanda specifica scrivimi privatamente e cercherò di darti la mia opinione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.